Melito, Tar annulla il bilancio. Amente, Marrone e Mottola: “Ora il Prefetto sciolga il Comune”

Melito, Tar annulla il bilancio. Amente, Marrone e Mottola: “Ora il Prefetto sciolga il Comune”

L’opposizione: “Stiamo gettando le basi per una coalizione che faccia dimenticare al più presto questo quinquennio”


MELITO – Quanto accaduto negli ultimi mesi ed in particolar modo negli ultimi dieci giorni, avrebbe dovuto indurre Venanzio Carpentieri a rassegnare le dimissioni ed invece ci ritroviamo ad ascoltare proclami da sindaco appena eletto e non da chi invece amministra la casa comunale da oltre cinque anni.

Non volendo soffermarci ancora una volta sulla tragicomica situazione amministrativa che vede il primo cittadino e la sua oramai ex maggioranza impegnati in balletti ed accordi utili soltanto a mantenere l’amara poltrona, ci preme sottolineare l’importanza della sentenza del Tar che ha interessato qualche giorno fa il Comune di Melito.

L’annullamento del bilancio 2015 è un chiaro segnale dell’incapacità della maggioranza di centrosinistra di garantire le condizioni minime di democrazia e preannuncia lo scioglimento del consiglio comunale.

Invitiamo sua Ecc.za il Prefetto Gerarda Pantalone a prendere atto della sentenza chiara ed insindacabile del Tribunale Amministrativo Regionale e di avviare così il percorso di commissariamento dell’Ente fino alle elezioni comunali della prossima primavera.

Preme far notare che l’approvazione del Bilancio preventivo 2016 non sana affatto quello precedente cancellato dai giudici, in quanto l’annullamento della delibera 39 del 28 agosto 2015 deciso dal Tar invalida, oltre al bilancio preventivo del 2015, anche lo schema di bilancio pluriennale 2015-2017 e la relazione previsionale e programmatica 2015-2017, strumenti questi ultimi indispensabili per la rendicontazione successiva.

Attendiamo con serenità il pronunciamento di sua Ecc.za il Prefetto e fiduciosi sul ritorno  al voto nel 2017, avviamo le basi per la costituzione di una coalizione politica che possa vincere la prossima competizione elettorale e cancellare il marchio del nulla impresso sulla pelle di questa amministrazione, capace in un quinquennio di contraddistinguersi soltanto per i litigi per la spartizione di poltrone ed incarichi

I consiglieri comunali di opposizione

Dott. Antonio Amente

Dott. Nunzio Marrone

Dott. Luciano Mottola