Slot machine per il clan dei Casalesi: chiesti 180 anni di carcere

Slot machine per il clan dei Casalesi: chiesti 180 anni di carcere

Alla sbarra imputati anche da Marano, Afragola, Casoria e dall’agro aversano. Sequestrati beni per 10mln di euro


CASAL DI PRINCIPE – Giunge al termine la prima fase del processo contro il clan Russo, una fazione interna al clan dei Casalesi. Richieste le condanne per 30 imputati coinvolti nella maxi-operazione che il 15 settembre ha portato all’esecuzione di 43 misure cautelari e al sequestro di beni per 10 milioni di euro. Le indagini hanno fatto luce sul sistema di gestione illegale delle slot machine da parte della cosca Russo.

Il pm della DDA di Napoli Fabrizio Vanorio ha chiesto la confisca delle società sequestrate lo scorso anno e un totale di 180 anni di carcere per i 30 imputati che hanno scelto il rito abbreviato: Pasquale Aprea, 11 anni, un mese e 10 giorni; Ernesto Capasso, 10 anni; Maurizio Capasso, 8 anni; Francesco Carisene, 12 anni; Massimiliano Conti 4 anni; Gaetano De Biase 14 anni; Andrea Discepolo, 2 anni; Corrado Discepolo, 7 anni; Maurizio Discepolo, 2 anni; Concetta Esposito, 2 anni; Giovanni Gallo, 8 anni; Cannine Iaiunese, 6 anni; Salvatore Laiso (collaboratore di giustizia) 3 anni; Marcello Mormile, 12 anni; Daniele Piedimonte 2 anni e 3 mesi; Domenico Puocci, 10 anni; Franco Bianco (collaboratore di giustizia) un anno; Rosa Schiavone, 2 anni; Patrizia Stabile, un anno e 4 mesi; Michele Ciervo, 10 anni; Eduardo Di Martino (collaboratore di giustizia), 2 anni; Salvatore Di Puerto, 5 anni e 4 mesi; Maria Muto, 2 anni e 2 mesi; Emilia Torelli, 2 anni; Nicola Gagliardi, 8 anni; Cesario Pecovela, 10 anni; Benedetto Ricciardi, 10 anni e 8 mesi; Fabio Scognamiglio, 8 anni; Vincenzo Scognamiglio, 2 anni; Corrado Russo, 14 anni.

Lo scorso 4 novembre invece, con il rito del patteggiamento, sono stati condannati: Pasquale Carusone, un anno e 9 mesi; Angela Di Vico, un anno e 4 mesi; Giuseppe Navarra, 2 anni; Christian Lettucci, un anno e 4 mesi; Salvatore Polverino, un anno e sei mesi; Ferdinanda Tiglio, un anno e sei mesi. Per coloro che hanno scelto il rito abbreviato si tornerà in aula il 19 dicembre.

Gli imputati sono di Casal di Principe, Gricignano d’Aversa, Trentola Ducenta, Portici, Marano, Napoli, Casoria, Afragola.

Altre 18 persone coinvolte nel processo hanno scelto il rito ordinario.