Sant’Antimo: “Se non paghi perdi il lavoro”. Truffa a dipendente comunale

Sant’Antimo: “Se non paghi perdi il lavoro”. Truffa a dipendente comunale

La vittima aveva problemi psichici e nel corso del tempo ha versato fino a 200mila euro


SANT’ANTIMO – I carabinieri di Sant’Antimo hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di napoli nord concordando con risultanze investigative dell’arma.

Custodia domiciliare per iavazzo pasquale, 56enne e liguori carmine, 47enne, entrambi di sant’antimo ritenuti responsabili in concorso di circonvenzione aggravata d’incapace.

Tra aprile e agosto 2016, approfittando dello stato di infermità psichica di un 62enne del luogo, si erano fatti consegnare ingenti somme di denaro, per un totale di 200.000 euro, dicendogli che in base a una non meglio specificata legge doveva restituire 51.000 euro e che solo così avrebbe potuto mantenere il posto di lavoro come dipendente comunale.