Giugliano, “Una cena… per Bene”. L’iniziativa finalizzata alla condivisione e alla solidarietà

Giugliano, “Una cena… per Bene”. L’iniziativa finalizzata alla condivisione e alla solidarietà

L’evento si terrà Venerdì 20 presso il ristorante “La Lanterna” alle 19:30


GIUGLIANO – Venerdì 20 presso il ristorante “La Lanterna” alle 19:30 si terrà a una cena spettacolo finalizzata alla condivisione e alla solidarietà, durante la quale sarà presentato l’Istituto La Famiglia al Centro con le sue attività e saranno siglati i protocolli di Intesa e gli accordi di collaborazione e partenariati per la gestione e il funzionamento di questa singolare realtà. Altra finalità della serata è il coinvolgimento di enti, associazioni di categoria, imprenditori e commercianti locali e non, con i quali siglare accordi di collaborazioni in qualità di sostenitori e benefattori dell’Istituto. Gli imprenditori e le realtà che sceglieranno di voler sostenere tale iniziativa del tutto nuova e singolare sul nostro territorio giuglianese, saranno inseriti in qualità di partner sostenitori su tutto il materiale pubblicitario e diffusivo prodotto dall’istituto, sia cartaceo che telematico. Destinatari diretti sono tutti coloro che possono prendervi parte come fruitori e sostenitori della iniziativa. Destinatari indiretti sono tutti coloro che in qualità di utenti e fruitori delle attività dell’Istituto stanno già beneficando o che beneficeranno dei servizi dello stesso.  L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Giugliano ed è realizzata in collaborazione con La Confcommercio e i Corpi Sanitari Internazionali. Alla serata prenderanno parte diverse autorità politiche, ecclesiali e militari del territorio.  La cena prevede un costo diversificato per bambini, giovani e adulti. Di questi una parte andrà per le spese della cena e la restante parte andrà a sostegno dell’istituto. Il menù prevede: una ricca portata di antipasti, due primi piatti, maialino casertano in crosta e contorno, frutta e dolce, bibite incluse. La serata sarà allietata con musica dal vivo, spettacolo di Cabaret, animazione per adulti e bambini.

PRESENTAZIONE

Natura “La Famiglia al Centro”, è una Cooperativa Sociale di tipo misto, che nasce nel mese di settembre 2016 ad opera di sette soci fondatori provenienti per lo più da forti ed impegnative esperienze di volontariato nell’associazionismo di tipo confessionale. La condivisione dei percorsi personali di ognuno, arricchitisi negli anni di un forte bagaglio formativo ed esperienziale nel terzo settore e nei servizi sociali, ha portato a mettere in comune le conoscenze, le doti, i talenti e le esperienze maturate personalmente ponendole a servizio di un progetto più ampio e condiviso che potesse generare, sul territorio e nel contesto di riferimento, la nascita di uno spazio “nuovo” ed “originale” nel suo genere, nel quale favorire una costruzione “vera e sostanziale”, di quel tanto desiderato Bene Comune.

Documenti ispiratori dell’organizzazione e della operatività della compagine societaria sono: la Costituzione Italiana, la legge 381 del 1991, la legge 328 del 2000 e la Legge 11 del 2007 della Regione Campania, nonché la Carta dei Diritti umani e tutte le Carte e le Convenzioni dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. La cooperativa trae una particolare e speciale ispirazione dal prezioso e singolare bagaglio culturale, antropologico e spirituale, offerto dalla Dottrina Sociale della Chiesa.

 

Missione

La Cooperativa “La Famiglia al centro”, fin dalla sua costituzione è attivamente impegnata affinchè siano garantiti e salvaguardati i diritti fondamentali e la dignità di ogni persona umana ed opera nei confronti di ogni uomo in modo da rispettarne le convinzioni etiche, morali e religiose. Al centro di questo obiettivo più ampio e generale vi è una singolare e poliedrica attenzione alla famiglia in tutte le sue dimensioni e in tutte le sue fasi di vita. Il centro di interesse di tutti i servizi e le attività poste in essere sono: le coppie con le loro esigenze e le loro problematiche di relazione e di gestione della dimensione genitoriale; i figli coi loro bisogni di cure, di attenzioni e di percorsi educativi che favoriscano una crescita sana e al riparo da qualunque forma di devianza; i giovani portatori di un particolare carico di attese e bisognosi di accompagnamento nella ideazione e realizzazione del proprio percorso di vita; gli anziani con le loro molteplici esigenze di vita e il loro desiderio di invecchiare attivamente e pienamente inseriti in contesti che ne favoriscano la vitalità e il coinvolgimento sociale; i disabili di qualunque tipo e grado con le loro fragilità e la loro necessità di poter rimanere al centro di percorsi dedicati che ne favoriscano la ripresa, la vitalità, la cura e dignità.

Da questa dimensione di cura, di sostegno ed di accompagnamento non è esclusa nessuna delle tre dimensioni fondamentali della persona umana: il corpo, la mente e lo spirito. Ragion per cui la missione fondamentale della Cooperativa e dell’Istituto da essa gestito, è da identificare in tre specifici assi operativi che ne connotano la natura e la finalità:

– La dimensione corporale, con attività di accoglienza e sostegno per quanto attiene alla sfera dei beni materiali e ai generi di prima necessità;

– La dimensione affettiva e intellettuale, sostenuta mediante percorsi che favoriscano la crescita culturale e il benessere psicologico;

– La dimensione spirituale, garantita mediante la proposta di itinerari e percorsi che favoriscano la riscoperta di tale fondamentale dimensione

Alla luce di quanto sopra e per il raggiungimento degli obiettivi prefissati, la Cooperativa

 aiuta le persone e le famiglie a vivere il valore della famiglia come luogo fondamentale della crescita e dell’accoglienza della persona

 opera nella convinzione che la famiglia sia una risorsa feconda e rinnovabile dentro una società che attraversa oggi una profonda crisi umana e culturale

 offre aiuti concreti mediante la realizzazione di un dispensario sociale di alimenti, indumenti, prodotti per neonati, medicinali e generi di prima necessità

 organizza sportelli di ascolto e accompagnamento volti a garantire servizi di segretariato sociale, di accompagnamento psicologico, di consulenza e mediazione familiare

 attiva percorsi formativi ed educativi volti alla crescita globale della persona umana

 realizza itinerari di accompagnamento e di crescita spirituale

Accanto a queste specifiche attività, la Cooperativa è promotrice e sostenitrice di cinque progetti particolari:

1) Progetto FIDES (Fondo Interno di Equità e Solidarietà Sociale), progetto di sostegno al reddito e al disagio economico

2) Progetto Uomini e Donne in Azione, per la cura e l’assistenza ai senza fissa dimora,

3) Progetto Coref (Consumo Responsabile e Fraterno), programma di acquisti solidali

4) Progetto Ad Gentes, programma di annuncio ed Evangelizzazione per ogni uomo

5) Progetto “Rinnovamento in Famiglia”, itinerario spirituale per famiglie per la  riscoperta di una Vita Nuova

Curriculum

La Cooperativa nasce nel mese di settembre del 2016 e in pochi mesi riesce ad attirare l’attenzione del territorio di riferimento e non solo, grazie ad un particolare e singolare coinvolgimento del mondo dell’associazionismo e del terzo settore in genere, col quale da Istituto “La Famiglia al Centro” subito tesse una serie di relazione e di accordi volti alla costruzione di una rete sociale operativa a più livelli. Grazie alla singolare struttura in cui opera, diviene presto sede di incontri e di convegni organizzati da diverse realtà del territorio. Dalla condivisione dei propri obiettivi e dei propri progetti, nel mese di ottobre la Cooperativa da vita ad un Accordo di Partenariato e di collaborazione con l’ApS “Cuore di Terra” e la Cooperativa Sociale “Apeiron”. È da questa speciale e singolare collaborazione che discende l’idea di realizzare un luogo in cui prendersi una speciale cura dei minori e delle famiglie. Ed è cosi che il 20 Novembre 2016, la Cooperativa La Famiglia al Centro, in collaborazione con l’associazione di promozione sociale Cuore di Terra e la Cooperativa sociale Apeiron, inaugura l’Istituto omonimo “La Famiglia al Centro”, sito in Via G. Parente, Giugliano in Campania (NA). Si tratta di un Centro Sociale Polifunzionale che ha come obiettivo la creazione di uno spazio di “crescita” e di “incontro” per tutti. La sua natura è quella di un luogo di accoglienza, di socializzazione e di aggregazione finalizzate alla integrazione sociale e alla promozione umana nel quale sono previste una pluralità di funzioni quali l’ascolto, il sostegno alla crescita, l’accompagnamento e l’orientamento, che mirano allo sviluppo psico-fisico di qualunque persona, con particolare attenzione alle fasce più deboli. Il tutto realizzato all’interno di una struttura molto ampia ed idoneamente attrezzata.

Struttura

La struttura è dislocata su una superficie di circa 650 mq, distribuita su cinque ampissimi piani ed è costituita da:

– un piano interrato dove è situata la sala-palestra per attività motorie e sportive

– un piano rialzato dove sono collocati una zona uffici (direzione, segreteria, amministrazione e accoglienza), un refettorio con annessa cucina e servizi igienici

– un primo e secondo piano costituiti ognuno da otto aule didattiche e laboratoriali, molto ampie e luminose, con annessi servizi igienici debitamente distinti tra maschi e femmine e con servizi destinati al personale

– un terzo piano caratterizzato da un appartamento di circa 150 mq

All’interno dell’edificio sono collocati:

– un Centro Sociale Polifunzionale per minori e famiglie “Il Piccolo Principe, gestito dalla Cooperativa Sociale La Famiglia al Centro

– un Laboratorio di Educativa Territoriale gestito mediante il progetto “P.A.S.S.O”, gestito dall’ Aps “Cuore di Terra”

– una Comunità Educativa a dimensione familiare “Il Gabbiano Jonathan”, gestita dalla Cooperativa sociale “Apeiron”

La struttura è interamente a norma ed è dotata di tutti i sistemi di sicurezza ed abbattimento delle barriere architettoniche. L’istituto è in fase di accreditamento presso il competente Ufficio di Piano.

 

Servizi ed Attività

Gli obiettivi prefissati vengono garantiti e raggiunti mediante una serie di attività, quali:

– sportello di ascolto e di accompagnamento ai servizi sociali territoriali

– attività di segretariato sociale,

– servizi di consulenza e mediazione familiare, recupero e accompagnamento alla genitorialità,

– attività di doposcuola e studio assistito per alunni di ogni ordine e grado, compresi quelli affetti da DSA e i portatori di BES,

– attività di formazione didattica e laboratoriale,

– laboratori di danza, musica, canto, teatro, informatica, ceramica, manipolazione e creazione libera, educazione alimentare, educazione stradale, educazione alla convivenza civile,

– percorsi di teatroterapia, ortoterapia, musicoterapia,

– attività motorie e sportive (crescita in movimento, Karate, Pilates, arti marziali, balli caraibici, etc.),

– attività ludiche e ricreative con spazi debitamente dedicati (sala giochi, sala per feste, palestra)

– campi estivi ed invernali.

Sono previsti, tra le altre cose, una serie di laboratori di famiglia.

A tutte le attività elencate si aggiungono una serie di iniziative e di servizi filantropici e caritatevoli:

– dispensario sociale (alimenti, prodotti per neonati, medicinali, abiti, etc…),

– mensa sociale

– sostegno e accompagnamento sociale e psicologico

– percorsi di accompagnamento spirituale.

Destinatari/utenti e modalità di accesso

Le attività laboratoriali, formative, ludiche e ricreative, nonché i servizi di ascolto e accompagnamento, sono aperti a tutte le fasce sociali e non solo a quelle meno abbienti e sono strutturati sia per minori che per adulti. L’accesso ai servizi e alle attività, può avvenire sia in maniera privata che mediante invio da parte delle istituzioni e delle agenzie del territorio (servizi sociali, caritas, enti e associazioni, etc…) Le modalità di accesso sono semplici ed improntate ai principi di giustizia, equità e solidarietà sociale, ragion per cui: chi può pagare paga, anche se a prezzi socialmente più vantaggiosi, chi può pagare di meno paga di meno, chi non può pagare non paga!

Partner. L’istituto si avvale di una serie di collaborazioni, partenariati e protocolli di intesa con Enti Pubblici e privati, realtà e movimenti ecclesiali, Enti del no profit, organismi del terzo settore e associazioni di categorie che conferiscono al suo impegno un maggiore impulso ed una singolare attestazione sul territorio che lascia ben sperare in una serie di collaborazione fattive e proficue per il raggiungimento di obiettivi sempre più soddisfacenti e rispondenti alle esigenze del territorio e del contesto di riferimento. Si tratta di una preziosità di risorse che possono validamente collaborare alla costruzione di un tessuto sociale sempre più collaborativo e operativamente “in rete”, contribuendo alla costruzione di un reale e prezioso.

 

Figure Professionali

La qualità dei servizi offerti è garantita dalla professionalità e dalla competenza di una Equipe Multidisciplinare e da un gruppo di esperti e professionisti del terzo settore quali: Assistenti sociali, Psicologi, Educatori Professionali, esperti di progettazione sociale e formazione professionale, esperti di mediazione e di attività laboratoriali, Operatori per l’infanzia ed animatori sociali, volontari e collaboratori vari.

Un sogno…

Si tratta, di una struttura unica nel suo genere. La prima in assoluto sul nostro territorio cittadino, che vuole diventare uno spazio per tutti ed un luogo di tutti, dove non esistono differenze tra fasce più agiate e quelle meno abbienti, dove i bambini e le famiglie di qualunque ceto sociale possono stare insieme, formarsi, apprendere, divertirsi e socializzare, indipendentemente da qualunque status sociale. Ovviamente, perché tutto ciò sia possibile c’è bisogno dell’aiuto e dell’impegno di tutti e soprattutto di tutti quelli che vogliono impegnarsi nella costruzione di un mondo più bello e più a misura di uomo e di un tessuto sociale sempre più equo ed umano.