Maradona al San Carlo, apre il noto attore di Villaricca: «’O Re è turnato»

Maradona al San Carlo, apre il noto attore di Villaricca: «’O Re è turnato»

L’intro dello spettacolo con un monologo in napoletano che celebra il ritorno del “Re” in città


NAPOLI – E’ stato Peppe Lanzetta, noto attore nativo di Villaricca ad aprire lo spettacolo di ieri «Tre volte 10» al San Carlo di Napoli con protagonisti Alessandro Siani e Diego Armando Maradona. L’attore con un monologo ha celebrato il ritorno a Napoli del Re Diego:

‘O Re e’ turnato

A Santa Lucia stanno sparanno ‘o fuoco ammare
‘Ncoppo ‘e quartiere ‘e femmene se vestono cu’e bandiere
Se so’ fermate pure ‘e Stese
stasera ‘o core ‘e Napule sta’ tutto ‘nfuso

E’ turnato! E’ turnato! Dice a zia Titina
l’hanno visto ‘o Borgo Marinari cu’ ‘na marenna ‘mmano
e l’uocchie appicciate ‘e chi e’ partuto
ma nun se ne e’ juto mai luntano

Signo’… forse tutto ‘stu tiempo Diego s’e’ nascosto
‘nda nu vascio do’ Cavone
a Materdei
o ‘nde scarpette sfunnate ‘e nu guaglione

Ma vuje che state dicenno? Facimmo ‘e nummeri, jucammece nu terno,
appicciammo ‘a televisione, facimme ‘na bulletta…
Telefonammo a Trump, a Merkel, a Sarkozy…

Signo’… ma chillo Sarkozy s’e’ arritirato!

Ma pecche’ Sarkozy jucava ‘o pallone?

Signo’l’avite ditto vuje…je nun aggio parlato proprio… n’ata
cosa ‘e chesta e me facite ji ‘ngalera!

Pure ‘a galera stasera e’ ‘na balera! ‘e Carcerati stanno ‘nfesta
aspettano ‘o colloquio con la mano di Dio…
ce sta pure Caravaggio, Cimarosa, Pasolini, Giuvanne ‘o stuorto
e tutto l’inferno da’ poesia napulitana
pe’ capì comme se fa’ a segna’ nu goal cu’ ‘na mano
pecche’ chiha visto il maggio napoletano ‘a storia ‘a tene
scritta mmiezo ‘e mani

Signo’ scusate…ma ‘o pallone nun se joche cu’ e piedi?

Cu’e piedi…cu’a capa…CU’O CORE E CU’E VENE aperte ‘e sta
città sudamericana ca’ se ricovera pe terra ‘nde spitale

Comme parlate bello signo’…ma addo’ site nata?

So’ nata a Buenos Aires
areto Secondigliano
vicino all’Alhambra di Granada quando Siviglia faceva ancora
ammore cu’ Lisbona e Carlos Gardel era ancora nu guaglione
So’ nata ‘nda nu barrio…ca’ fosse nu vic’stritto ca’ se
‘ncontra cu’e Vele e parlanno parlanno, sudati, mbriache e sbandate,
se perdono abbracciate ‘ndo mare da’ felicita’…