Qualiano, la voragine in via de Gasperi: l’opinione di un residente

Qualiano, la voragine in via de Gasperi: l’opinione di un residente

“Alle difficolta’ logistiche per i cittadini- si legge nell’analisi svolta da Mimmo Licciardiello sul suo blog- si sommano quelle degli abitanti e commercianti della zona “


QUALIANO – Diciassette mesi. Cinquecentodiciannove giorni  sono trascorsi . Era il 3 Agosto 2015 .Una data che gli abitanti di via De Gasperi, a Qualiano , difficilmente dimenticheranno. Quel giorno si apri’ una piccola frattura nel manto stradale. Niente di particolarmente preoccupante…. o che facesse temere il peggio.Capita spesso a Napoli e provincia.  Invece in poche ore , anche grazie al peggioramento delle condizioni meteorologiche  e ( sembra ) alla rottura di una tubazione , quella piccola frattura si trasformerà in una vera e propria voragine. Tanto grande da poter inghiottire un tir. Questa volta si…c’era da preoccuparsi.

Alle difficolta’ logistiche per i cittadini ( la zona e’ un crocevia nevralgico per la presenza di banca , chiesa ed istituti scolastici ) si sommano quelle degli abitanti e commercianti della zona . Impotenti  spettatori di uno spettacolo a cui , volentieri , avrebbero fatto a meno.

Il mio ruolo , in questi 17 mesi , e’ stato ( e sara’ ) quello di informare , periodicamente , i miei amici lettori  in maniera costruttiva ed oggettiva.

Chi ha piu’ di 50 anni sa bene ( o ha sentito dire  ) che sotto il nucleo storico di Qualiano ( via de gasperi , Piazza D’annunzio , via Roma e ” Vasc e putec “) sono presenti dei veri e propri tunnel scavati nel tufo . Un labirinto  di cunicoli profondo decine di metri e lungo quasi un kilometro.

A partire dal primo decennio del secolo scorso , infatti , il sottosuolo qualianese fu usato a mo’ di cava per l’estrazione del tufo .

Gia’ in passato si sono verificati episodi simili , anche se non di questa portata , l’ultimo una decina di anni fa.

Le polemiche sterili e la caccia alle streghe sono qualcosa che mai mi sono appartenute e che lascio volentieri agli altri.

A differenza di molti mi sono informato , ho seguito periodicamente  i lavori , li ho documentati , ho parlato con anziani che mi hanno fatto da cicerone catapultandomi in un viaggio nel tempo  virtuale.

Abbastanza da comprendere come le responsabiita’ e le cause vadano  ricercate a monte , molto indietro nel tempo .

Almeno fino a quando non verranno dimostrate , in tribunale  ,  responsabilita’ da parte dell’Acquesotto scpa.

Certo…c’e’ da dire che 17 mesi per una messa in sicurezza sono un po’ tantini…a meno che tu non stia costruendo la SAGRADA FAMILIA . A quel punto ne fai una ricchezza…

In queste ore sto leggendo  tutto e il contrario di tutto …chi si schiera  pro , chi  contro , chi cavalca l’onda , chi scende dall’onda , chi nega l’innegabile , chi ammette l’inammisibile. Perdonatemi ma , cosi’ facendo , mancate di rispetto a chi in questi 17 mesi , ha faticato e fatica a far sentire la propria voce. Ovvero chi quelle zone le vive.

Qualcuno vorrebbe farne un’attrazione per i turisti. QUALIANO SOTTERRANEA

Idea suggestiva  anche , citando il buon Lubrano , la domanda sorge spontanea…Perche’ un turista giapponese dovrebbe preferire Qualiano sotterranea agli  scavi di Pompei , a Napoli sotterranea , a Pozzuoli ed ai campi flegrei e alle centinaia di migliaia di opere d’arte vecchie di millenni.

A mio parere prima di renderla  straordinaria..sarebbe opportuno farne un’attrazione ordinaria, mettendola in sicurezza evitando ulteriori disagi.

Poi che sia la Regione , il Comune , la  citta’ metropolitana , jeeg robot o Harry Potter a risolvere il problema poca importa.

Concludo con un pensiero personale …. nell’interesse di chi , ricordiamolo , vive in prima persona i disagi di tutta la faccenda e cerca risposte…

Eccovi cinque pratici consigli su come utilizzare al meglio la voragine :

  1. Lancio  in paracadute alla  Patrick De Gayardon , causa cartella equitalia.
  2. Arrampicata libera stile Cliffhanger per eludere gli ausiliari dell traffico che , nel dubbio , hanno ricavato stalli a pagamento rigorosamente  in tufo nel sottosuolo.
  3. Parkour . Per scappare dal direttore della banca…che ti ricorda la rata scaduta.
  4. Salto con l’asta con bambino incorporato per accompagnarlo a scuola.
  5. Lancio del nonno , al fine di trasportarlo velocemente al circolo cacciatori sito in via Roma

A richiesta al punto 5 potete sostituire il nonno con la suocera..non si assicura il ritorno.