Scandalo al comune, parla Poziello: “Furbetti infangano dipendenti onesti”

Scandalo al comune, parla Poziello: “Furbetti infangano dipendenti onesti”

Il primo cittadino di Giugliano interviene sul blitz antiassenteismo di questa mattina e si dice pronto a prendere provvedimenti


GIUGLIANO – “Adotteremo tutti i provvedimenti a tutela dell’Ente”. Commenta così la notizia del blitz dei carabinieri in Comune per l’assenteismo il Sindaco, Antonio Poziello.

I provvedimenti colpiscono per la gravità e la quantità – continua il primo cittadino – specie se rapportati ad un organico già di per sé ridotto ed insufficiente ad assicurare la funzionalità degli uffici. Dalle indagini sono emersi comportamenti che non possono essere in alcun modo tollerati o giustificati, che colpiscono l’immagine del Comune e della intera città, ma principalmente dei tanti dipendenti onesti e ossequiosi del proprio dovere che meritano rispetto e tutela”.

“A dispetto di quanto emerge dalle indagini, mi è d’obbligo evidenziare che il personale comunale, appena 230 dipendenti per una città di 94,6 kmq e 125mila abitanti, con grandi sforzi ed abnegazione riesce ad assicurare servizi anche di buona qualità. Questi sforzi sono infangati dai comportamenti di singoli furbetti”.

Ci prepariamo ad assumere tutti i provvedimenti che la legge ci consente di assumere e da domani dovremo immaginare nuovi modi e provvedimenti per assicurare la funzionalità di uffici duramente colpiti, alcuni addirittura svuotati dai provvedimenti giudiziari”. “Non ci saranno sconti per nessuno. D’altro canto, non ci saranno semplificazioni e generalizzazioni. Sono abituato a rispettare i provvedimenti e l’operato di forze dell’ordine e magistratura, senza però anticipare il giudizio sugli indagati. Intanto, i provvedimenti disciplinari che vanno adottati, saranno adottati”.