Morto dopo una lunga agonia uno dei feriti per l’incendio scoppiato a causa di una stufa

Morto dopo una lunga agonia uno dei feriti per l’incendio scoppiato a causa di una stufa

Era accaduto in provincia di Napoli. Sul suo decesso è stata aperta un’inchiesta. La salma sarà sottoposta ad esame autoptico


POZZUOLI – E’morto dopo una lenta agonia il 59 Michele S. che, come riporta ilmattino.it, Il 6 gennaio scorso rimase ferito al viso e alle braccia a causa di un incendio divampato nell’abitazione in via Giovanni XXIII° a Pozzuoli, in cui viveva con le sorelle e i fratelli. Ieri mattina, l’uomo, dopo oltre venti giorni trascorsi nel reparto di terapia intensiva del Cardarelli, non c’è l’ha fatta ed è morto. L’incendio fu causato dal malfunzionamento di una stufa a gas con le fiamme che in pochi istanti invasero la stanza da pranzo e gran parte dell’appartamento. I vigili del fuoco riuscirono a domare le fiamme e a trarre in salvo gli occupanti dell’immobile. Oltre a Michele dovettero ricorrere alle cure del reparto dei grandi ustionati del Cardarelli anche un fratello e una sorella.

L’uomo svolgeva il lavoro di Lsu in una scuola di Pozzuoli, ora si trova presso il secondo Policlinico di Napoli dove sarà effettuata l’autopsia, disposta dal magistrato che ha aperto un’inchiesta, per verificare le cause del decesso. All’appartamento in cui divampò l’incendio, invece, sono stati apposti i sigilli, mentre, la bombola e la stufa a gas sono state poste sotto sequestro.