Protesta degli operatori ecologici di Mugnano, Sarnataro: “Si sono verificati episodi non accettabili”

Protesta degli operatori ecologici di Mugnano, Sarnataro: “Si sono verificati episodi non accettabili”

In conferenza stampa il sindaco ha denunciato un episodio di minacce nei confronti di uno degli operatori ecologici, recatosi a pulire alcune arterie della città


mugnano

MUGNANO – Dopo le proteste degli ultimi giorni da parte degli operatori ecologici, che hanno lasciato le strade della città piene di rifiuti, il sindaco Luigi Sarnataro ha tenuto una conferenza stampa questa mattina per spiegare cosa stesse realmente accadendo.

“La protesta è sfociata in episodi che non sono accettabili – ha esordito il primo cittadino – Assistiamo per la quarta volta in un anno ad una vera e propria interruzione di pubblico servizio. Questa volta si è verificato un episodio particolarmente grave. Uno degli operatori ecologici, che si stavano recando a via Di Vittorio per la pulizia dell’arteria, sono stati affiancati da tre uomini armati di mazze, che li hanno minacciati intimando loro di andare immediatamente via. Noi siamo disponibili al dialogo solo nel pieno rispetto della legalità”.

La persona minacciata, appartenete al cantiere di Giugliano dove opera sempre la Teknoservice, ha immediatamente sporto denuncia, insieme al responsabile della ditta Giuseppe Spacone, ai carabinieri della locale stazione. I militari dell’Arma hanno immediatamente avviato tutte le indagini del caso.

Alla conferenza era presente anche l’assessore all’Ambiente Valerio Capasso: “Pretendiamo che l’azienda garantisca il servizio, a prescindere dei problemi con i dipendenti. Per questo abbiamo elevato e eleveremo penali nei confronti della Teknoservice”.

I lavoratori hanno protestato per la mancata erogazione dei ticket pasto, garantitegli in una precedente riunione sindacale, e le scarse condizioni igieniche sanitarie del cantiere. I ticket dovrebbero arrivare entro lunedì mattina.