Licola, 90enne “sepolto in casa” dopo aver accumulato cose per 40 anni

Licola, 90enne “sepolto in casa” dopo aver accumulato cose per 40 anni

L’assurda storia di un 90enne che ha rischiato di morire sommerso dagli oggetti che aveva raccolto nel corso del tempo. Necessario l’intervento di polizia e vigili del Fuoco


POZZUOLI – Un uomo di 90 anni, residente a Licola, è rimasto intrappolato per oltre 7 ore nella sua abitazione, sepolto da un cumulo di oggetti accumulati nel corso di oltre 40 anni. I vicini hanno sentito le sue grida di aiuto e hanno avvisato i soccorsi che lo hanno liberato e portato in ospedale.

Il 90enne, affetto da “sindrome da accumulo compulsivo”, aveva raccolto tonnellate di cianfrusaglie come vecchie reti di materassi, porte, giocattoli ed ogni genere di oggetto inutile che aveva reso lo spazio della casa e il giardino praticamente invivibili. L’uomo si spostava tra attraverso i cumuli tramite “sentieri” da lui disegnati. Due giorni fa però è rimasto intrappolato sotto una montagna di rifiuti e solo l’intervento dei vicini ha evitato il peggio.

Trasportato all’ospedale di Pozzuoli e sottoposto ad accurati controlli, l’anziano non ha riportato ferite gravi ed è stato rimesso e affidato alla famiglia che vive a Napoli. La casa e il giardino sono stati interdetti in attesa di rimuovere il cumulo di rifiuti.