Chiedeva pizzo a ditta costruzioni: uomo del clan arrestato dai carabinieri

Chiedeva pizzo a ditta costruzioni: uomo del clan arrestato dai carabinieri

Aveva minacciato ripetutamente un parente della titolare: “servono i soldi per gli amici del posto”. Il 56enne, dopo l’identificazione, è stato trasferito al carcere di Secondigliano


NAPOLI – I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Pozzuoli hanno dato esecuzione a un decreto di fermo del P.M. emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli a carico di Vincenzo Paragliola, 56 anni, residente a Marano di Napoli, già noto alle forze dell’ordine e ritenuto affiliato al clan camorristico dei “Polverino-Nuvoletta”, operante per il controllo degli affari illeciti a Quarto e Marano.

L’uomo è ritenuto responsabile di tentata estorsione aggravata da finalità mafiose.
I militari dell’Arma hanno accertato che in più occasioni aveva minacciato un congiunto della titolare di una ditta edile impegnata per la ristrutturazione di una palazzina del Vomero, tentando di estorcergli denaro da consegnare “agli amici del posto”.
Dopo le formalità di rito, Paragliola è stato associato al centro penitenziario di Secondigliano.