Giugliano, la tragedia del sabato sera: Alessio muore in moto a 16 anni

Giugliano, la tragedia del sabato sera: Alessio muore in moto a 16 anni

Poche ore prima sul suo profilo Facebook un triste presagio: “La moto uccide, è vero. Ma lo stesso lo fa una vita monotona priva di emozioni”


GIUGLIANO – Un tragico incidente sulla circumvallazione esterna tra Giugliano e Villaricca si è portato via Alessio Granata, 16 anni, giuglianese. Il giovane viaggiava con un amico sulla sua Yamaha R125 quando – poco dopo mezzanotte – all’incrocio davanti a Poziello Legnami e di fronte al parco Sette Pini si è scontrato con una Opel Agila. L’urto è stato tremendo. Il casco di Alessio, regolarmente indossato è stato ritrovato a molta distanza dall’impatto.

Il ragazzo è parso subito in gravissime condizioni, il suo corpo era a terra esanime in attesa dei soccorsi che quando sono arrivati per un’ora hanno tentato di rianimarlo con massaggio cardiaco e defibrillatore ma non c’è stato nulla da fare. Alessio è morto lasciando nella disperazione i suoi genitori e alcuni parenti che nel frattempo erano arrivati sul luogo dell’incidente. L’amico che era con lui, Andrea, è rimasto ferito in modo meno grave. Lui è stato portato in ospedale da un’auto fermata grazie all’intervento di alcuni passanti.

Alessio era uno studente dell’Itis Galvani, e saltuariamente aiutava il papà che ha un supermercato in via Palumbo, a pochi metri dall’INPS. Era un grande tifoso del Napoli e la scorsa settimana era allo stadio per vedere Napoli-Real Madrid. Descritto da tutti come un ragazzo buono e generoso, sulla sua pagina Facebook sono già decine i messaggi di addio. E’ stato tradito dalla passione per le moto. Sul suo profilo vengono i brividi a leggere uno degli ultimi link postati che suona quasi come un presagio: “La moto uccide, è vero. Ma lo stesso lo fa una vita monotona prima di emozioni”. 

Tragico incidente nella notte a Giugliano: morto ragazzo giovanissimo