L’ultima notte di Debora: amici, amore e il sogno di un salone tutto suo

L’ultima notte di Debora: amici, amore e il sogno di un salone tutto suo

Cinque anni fa aveva perso la madre ma non si era arresa: la tragica storia della parrucchiera 25enne travolta e uccisa sabato notte


GRICIGNANO – Doveva essere un sabato sera come tanti, una serata in discoteca dopo una settimana di lavoro. Invece la vita di Debora Menale, parrucchiera 25enne di Gricignano, è finita sull’asfalto maledetto di via Appia, a pochi metri dall’ingresso di una nota discoteca di Sant’Antimo. Nello stesso punto forse è finita anche la vita del suo investitore, G.V., operaio 28enne di Giugliano, che si è consegnato ai carabinieri di Villaricca e ha ammesso di essere lui il pirata della strada che l’ha travolta e uccisa.

L’INCIDENTE. Sono da poco passate le 4.30 quando la 25enne esce dalla discoteca, saluta gli amici e il fidanzato che erano con lei e si dirige verso la sua vettura, dall’altro lato della strada. Mentre sta attraversando, un proiettile nero la investe in pieno. L’impatto è molto violento al punto che Debora viene prima sbalzata sul parabrezza di un’auto in sosta e poi cade sull’asfalto. Ad investirla è stata una Fiat Bravo di colore nero che è arrivata a folle velocità e dopo l’incidente ha tirato dritto, come affermano i testimoni presenti sulla scena. Sul posto arrivano i carabinieri e un’ambulanza. I soccorritori trasportano la ragazza all’ospedale Moscati di Aversa ma per lei non c’è più nulla da fare.

LA STORIA DI DEBORA. La vita di Debora non è mai stata una passeggiata. È stato un percorso fatto di fatica e di lavoro. Faceva la parrucchiera, prima in un negozio di Aversa poi a domicilio nelle case di Gricignano. Sempre con il sogno un giorno di aprire un salone tutto suo. Cinque anni fa la prova più difficile: perde la madre a causa di un male incurabile. Un duro colpo che Debora affronta con grande forza, come dicono gli amici. In mezzo qualche storia d’amore condita con qualche delusione, com’è normale per una ragazza di 25 anni.

L’ultima in ordine di tempo è quella con Giuseppe, il ragazzo che era con lei sabato notte. I due avevano litigato ma finalmente avevano fatto pace dopo una serata passata insieme. Nessuno dei due avrebbe potuto immaginare quanto sarebbe successo qualche ora dopo. Giuseppe era a pochi metri da Debora quando la Fiat Bravo l’ha travolta ed ancora ora è in evidente stato di choc per quanto accaduto.

LE INDAGINI. Sul fronte delle indagini, per ulteriori novità bisognerà attendere l’autopsia sul corpo della ragazza e gli esiti degli esami tossicologici effettuati sul ragazzo che si è consegnato ai carabinieri. Per il momento è stato deferito a piede libero in attesa che venga confermata l’accusa di omicidio stradale con l’aggravante di omissione di soccorso.