Qualiano, prima i regali poi la “toccava”: 11enne molestata da amico di famiglia

Qualiano, prima i regali poi la “toccava”: 11enne molestata da amico di famiglia

L’orco si era conquistato la fiducia della vittima riempiendola di attenzioni, poi la obbliga a subire atti sessuali. A scoprire che qualcosa non andava è stato il padre della vittima


QUALIANO – Tradito da un uomo che credeva suo amico e che invece compiva atti sessuali nei confronti della figlia 11enne. Questa storia di pedofilia arriva da Qualiano dove un uomo di 40 anni è stato arrestato e confinato ai domiciliari in attesa di processo. La denuncia dei genitori della vittima e il racconto stesso della ragazzina sono stati considerati elementi validi convalidare il fermo dell’orco.

A scoprire la vicenda è stato il padre dell’11enne, insospettito dai continui regali e dalle attenzioni espresse dall’amico nei confronti della figlia. All’inizio pensava a gesti di cortesia poi il dubbio si è insinuato nella sua mente. L’evento decisivo si è verificato una mattina mentre il 40enne e la ragazzina si trovava in piscina insieme nel giardino di famiglia. Il padre della vittima notò che uscito dall’acqua l’uomo era in evidente stato di eccitazione.

A quel punto, con abile gentilezza, ha cominciato a fare domande alla figlia. La ragazzina all’inizio era evasiva poi ha raccontato tutto ai genitori. L’uomo da qualche tempo la toccava nelle parti intime. Non l’avrebbe mai costretta ad avere rapporti sessuali e solo in una occasione le ha mostrato i genitali. Il 40enne si era invaghito a tal punto che la ricopriva di attenzioni e approfittava del fatto che i genitori si fidavano di lui e lo lasciavano spesso da solo la ragazzina.

L’intero caso è stato seguito dai carabinieri della compagnia di Giugliano, guidati dal capitano Antonio De Lise, che con l’aiuto di uno psicologo hanno raccolto la testimonianza della ragazzina ritenendola molto attendibile. L’arresto è agli arresti domiciliari in attesa di essere ascoltata da un giudice.