Sant’Antimo, sparatoria per colpo in gioielleria: arrestato 21enne di Giugliano

Sant’Antimo, sparatoria per colpo in gioielleria: arrestato 21enne di Giugliano

I carabinieri hanno arrestato il giovane grazie ai video delle telecamere di sorveglianza


SANT’ANTIMO – I carabinieri della tenenza di Sant’Antimo hanno eseguito a carico di Antonio Fiorillo, un 20enne di Giugliano in Campania già noto alle forze dell’ordine, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per tentata rapina aggravata in concorso, detenzione e porto illegale di arma da sparo e ricettazione emessa dal g.i.p. del tribunale di Napoli Nord.
Il 19 marzo dell’anno scorso lui e il complice -Giuseppe Rendola, un 22enne di Giugliano arrestato il 5 maggio 2016- si erano introdotti in una gioielleria di Sant’Antimo e avevano tentato di rapinare il titolare. Il loro piano fallì perchè il titolare dell’attività sparò 3 colpi d’arma da fuoco a scopo intimidatorio, ai quali i malviventi non esitarono a rispondere.
Fiorillo era stato immortalato dalla videosorveglianza mentre commetteva la tentata rapina ed era stato poi riconosciuto dai militari, quindi raggiunto da o.c.c. e tratto in arresto. Durante la perquisizione contestuale all’esecuzione della misura, il 20enne è stato trovato in possesso di 20 grammi di hashish e 4 di marijuana nascosti nel comodino in camera da letto, per cui è stato ulteriormente segnalato all’autorità giudiziaria. Per detenzione di stupefacenti  a fini di spaccio. Dopo le formalità è stato tradotto al carcere di Poggioreale.

LEGGI ANCHE:

Sant’Antimo, rapina con conflitto a fuoco in gioielleria: arrestato giuglianese 21enne