Spara contro l’auto dell’amico di Matteo Renzi: imprenditore di Giugliano in manette

Spara contro l’auto dell’amico di Matteo Renzi: imprenditore di Giugliano in manette

Il giuglianese vantava un credito nei suoi confronti di 270mila euro. Ha esploso colpi di pistola anche contro l’azienda del suo debitore


SCANDICCI – Si è tenuto questa mattina, nel carcere fiorentino di Sollicciano, l’interrogatorio di garanzia dell’imprenditore pistoiese, ma di origine giuglianese, Pasquale D’Alterio, 44 anni, arrestato dal Gico e dagli uomini del nucleo di polizia giudiziaria della guardia di finanza insieme a Giuseppe Raffone, 48 anni, catanese ma residente a Firenze.

I due, a vario titolo, sono accusati di concorso in tentata estorsione nei confronti di Andrea Bacci e Fabio Bettucci, presidente e amministratore della Coam.

Contro l’auto di Bacci e l’Ab Florence di Scandicci, la pelletteria di proprietà dell’imprenditore noto anche per la sua amicizia con Matteo Renzi, il 23 gennaio scorso vennero sparati alcuni colpi di pistola. Dietro agli atti intimidatori ci sarebbe un credito di 270mila euro che l’imprenditore giuglianese vantava nei confronti dell’azienda Coam con procedura di concordato in corso, di cui Andrea Bacci è proprietario.

IL VIDEO DEI RAID