Appalti truccati all’Asl Napoli1: tre gli indagati tra cui il provveditore

Appalti truccati all’Asl Napoli1: tre gli indagati tra cui il provveditore

Le indagini della Guardia di Finanza hanno accertato il reato di turbata libertà degli incanti. Nel mirino anche un noto imprenditore


NAPOLI – Tre in totale le persone indagate  nell’ambito dell’inchiesta della Guardia di Finanza sugli appalti truccati nell’Asl Napoli 1: oltre al provveditore della stessa Asl, Loredana Di Vico, nel mirino delle fiamme gialle sono finiti il suo convivente, l’imprenditore Vincenzo Dell’Accio, ed una sorella di quest’ultimo. I finanzieri- come riporta ilmattino.it- hanno fatto accertamenti e sequestrato una notevole mole di documenti oggi, che, nei prossimi giorni, sarà analizzata dagli inquirenti. Le ditte di intermediazione coinvolte nell’indagine, risultate intestate a prestanome, sono riconducibili all’imprenditore e ai familiari: attraverso queste società, millantando un diritto di esclusività, acquistavano apparecchiature elettromedicali – come macchinari per le gastroscopie e per le broncoscopie – che poi venivano rivendute all’Asl a prezzi maggiorati senza gare ma attraverso affidamenti diretti.

Tutto questo sarebbe avvenuto con il benestare della convivente, il provveditore Loredana Di Vico, che, secondo quanto si è appreso, non avrebbe mai fatto accertamenti sull’esistenza o meno del diritto di esclusività delle ditte. La Guardia di Finanza ha anche eseguito accertamenti in alcune Asl all’esterno della Campania per accertare il reale prezzo delle apparecchiature: dagli approfondimenti è emerso che i prezzi d’acquisto erano di molto inferiori a quelli invece pagati dall’Asl Napoli 1. L’illecito ipotizzato dalla Sezione Reati contro la Pubblica Amministrazione della Procura (procuratore aggiunto Alfonso D’Avino, sostituto Valter Brunetti) è quello di turbata libertà degli incanti anche se, secondo quanto si è appreso, la vicenda potrebbe portare a ipotizzare altri capi d’accusa e all’iscrizione di altre persone nel registro degli indagati.

LEGGI ANCHE:

Blitz della Finanza, perquisizioni e sequestri all’Asl Napoli 1