Chiaiano-Mugnano, c’è l’accordo: gli studenti del Siani verranno ospitati al Segrè

Chiaiano-Mugnano, c’è l’accordo: gli studenti del Siani verranno ospitati al Segrè

La convenzione è in via di definizione tra le presidi dei due istituti, dopo giorni di proteste e occupazioni. Gli studenti di una delle due scuole erano stati costretti a spostarsi dopo la caduta di calcinacci


MUGNANO – Prima le tensioni e i disagi, poi l’accordo tra le presidi delle due scuole. Finiscono così, dopo giorni di polemiche, i disagi per gli studenti del Liceo Giancarlo Siani di Chiaiano. L’istituto è stato chiuso mesi fa a causa della caduta di alcuni calcinacci nella succursale. Parte degli studenti, circa 200, di questa scuola era stata destinata al Liceo Segrè di Mugnano. Per protesta contro questa decisione, i giovanissimi iscritti alla scuola del comune dell’area nord di Napoli hanno attuato un’occupazione che ha costretto l’Istituto Siani di Chiaiano ad effettuare una disagevole rotazione.

La motivazione ufficiale, della dirigente scolastica del Segrè sul rifiuto da parte della scuola di accogliere gli studenti del Siani, verteva sull’inadeguatezza, a suo dire, dell’impianto antincendio dell’Istituto. La comunicazione dello scorso 27 aprile, pubblicata sul sito ufficiale della scuola, infatti, recitava come segue:

“Si precisa che la sede di Mugnano dispone di un certificato antincendio provvisorio, utile per svolgere attività didattica di una sola istituzione scolastica”. La Città Metropolitana aveva infatti disposto che la scuola del comune a nord di Napoli accogliesse gli studenti del Siani.

Oggi, infine, secondo indiscrezioni che trapelano dal personale, sarebbe stato siglato l’accordo, sottoforma di convenzione, tra le presidi dei due istituti: i ragazzi del Siani verranno ospitati al Segrè fin quando la sede succursale del Siani non ripartirà a pieno regime, previsto il ritorno alla normalità per fine maggio.

Nella foto, postata su Facebook da Teresa Capuozzo, le proteste degli studenti del Liceo Segrè