Erano il terrore delle coppiette: arrestati rapinatori ventenni

Erano il terrore delle coppiette: arrestati rapinatori ventenni

Sorprendente svolta al processo: due di loro hanno avuto il permesso di frequentare la scuola


AVERSA – Sono ai domiciliari i quattro ventenni presunti «rapinacoppiette» arrestati lo scorso 25 aprile ad Aversa. Difesi dall’avvocato Mario Angelino, due di loro hanno anche ottenuto il permesso per continuare a frequentare la scuola e con tutta probabilità il mese prossimo sosterranno regolarmente gli esami di Stato.

Sorprendente la decisione dei giudici del Riesame che nell’accogliere l’istanza della difesa, hanno concesso i domiciliari ad Arturo Sannino, Francesco Petito, Modestino Iavarone e Pasquale Marzocchella e hanno anche autorizzato gli ultimi due ad allontanarsi di casa per frequentare le lezioni.

I quattro furono arrestati dai carabinieri subito dopo avere rapinato due coppie appartate in auto in via dei Cappuccini, ad Aversa. Passamontagna, una pistola scenica, i quattro bloccarono le vittime nei pressi dell’ippodromo, rapinandole di soldi, cellulari e gioielli. Poi la fuga, a bordo di una Fiat Punto Evo con la targa in parte coperta da nastro adesivo. I carabinieri incrociarono l’auto in fuga e nel notare a targa coperta, intimarono l’alt: ne nacque un breve inseguimento al termine del quale i 4 furono arrestati e accompagnati a Poggioreale. In auto c’era ancora l’arma scenica usata per le rapine.