“Mi ha toccato nelle parti intime”: insegnante condannato per pedofilia

“Mi ha toccato nelle parti intime”: insegnante condannato per pedofilia

L’uomo durante il calvario giudiziario si è sempre professato innocente


CASTELLAMMARE – Accusato di violenza sessuale è finito in carcere dopo 14 anni per una condanna a 6 anni e 6 mesi di reclusione.

La vicenda che ha portato alle accuse si è verificata nel 2003 quando su una spiaggia Alfonso S., noto insegnante e commercialista, avrebbe molestato un gruppo di ragazzini.

Il docente era solito portare suo figlio al mare e quel giorno con loro c’era anche un amichetto di scuola del ragazzino. Mentre si facevano i classici giochi d’acqua ai quali anche l’uomo stava partecipando, uno di questi corre dalla madre accusando Alfonso S. di averlo toccato nelle parti intime.

Un’accusa infamante che ha cambiato la vita dell’uomo, durante il calvario giudiziario si è sempre professato innocente e dopo 14 anni è arrivata la condanna stabilita dalla Corte di Cassazione.