Arresti a Sant’Antimo durante le elezioni. Chiariello: “Accertare subito le responsabilità”

Arresti a Sant’Antimo durante le elezioni. Chiariello: “Accertare subito le responsabilità”

“Questo modo di fare delinquenziale – aggiunge Chiariello – è lontanissimo dalla mia idea di politica”


SANT’ANTIMO – “Gli arresti delle ultime ore per compravendita di schede elettorali denotano un modo di fare vergognoso e criminale che nulla ha a che fare con la politica”. Così il candidato sindaco del centrodestra a Sant’Antimo, Corrado Chiarello, commentando gli arresti di tre persone ritrovati con oltre trecento tessere elettorali con facsimile di candidato al Consiglio comunale.

“Questo modo di fare delinquenziale – aggiunge Chiariello – è lontanissimo dalla mia idea di politica e di amministrazione della cosa pubblica”. “Ho massima fiducia nella magistratura e nelle forze dell’ordine, a cui chiedo un rapidissimo accertamento delle responsabilità.

Perché accertare le responsabilità del singolo è fondamentale per non condannare in toto la politica, che per me da sempre è servizio ai cittadini”, conclude il candidato sindaco.

Sant’Antimo, compravendita voti: è di un candidato di una lista civica il nome sui facsimile

Elezioni, terremoto a Sant’Antimo: 3 arrestati. A casa 321 tessere elettorali