Blitz nelle case dello spaccio: sequestrate armi e droga

Blitz nelle case dello spaccio: sequestrate armi e droga

Nel corse delle operazioni sono state arrestate anche tre persone. Mitra e pistole avevano il colpo in canna ed erano pronte per sparare


blitz nella notte

NAPOLI – Operazione dei carabinieri nella zona del rione Traiano adibita allo spaccio. Erano stati nuovamente violati i sigilli delle “case della droga” dove i clan locali spaccio marijuana e cocaina. Oltre alla droga sono stati ritrovati anche mitra e pistola pronti a sparare. I Carabinieri del nucleo operativo della compagnia di bagnoli e del reggimento campania hanno effettuato l’ennesimo blitz al rione traiano, reprimendo i tentativi di riattivare le “piazze di spaccio”. Per la settima volta ripristinati i sigilli a 6 “bunker” tra via tertulliano e via romolo e remo, locali che erano stati sottoposti a sequestro perché usati come basi di spaccio nel corso dell’operazione che aveva portato a quasi 100 arresti. Smontati e sequestrati 2 sistemi di videosorveglianza e cancellate di ferro: ancora una volta erano stati installati abusivamente a protezione dei “bunker” e denunciati 17 pregiudicati ritenuti responsabili di spaccio di droga e violazione di sigilli.

Denunciate due vedette che all’arrivo dei carabinieri avevano cominciato a urlare “mario” la parola convenzionale per avvisare i complici della presenza di forze dell’ordine.
Rinvenute e sequestrate, nascoste in zone condominiali dei complessi di edilizia popolare, una pistola mitragliatrice skorpion, 3 pistole semiautomatiche con il colpo in canna e un revolver, tutte cariche e pronte all’uso. Sequestrate anche 36 cartucce di vario calibro, 150 grammi di hashish e 30 grammi di marijuana.
Tre gli arrestati in flagranza, tutti della zona e già noti alle forze dell’ordine:
. Claudio volpe, 32enne, durante perquisizione domiciliare è stato trovato in possesso di 530 grammi di marijuana e 62 di cocaina;
. Luigi cacace, 33enne, sorpreso nella notte sulla pubblica via, in stato di evasione dagli arresti domiciliari. Cui era sottoposto per spaccio;
. Giovanni testa, 58enne, raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari per spaccio.