Le mani degli Amato-Pagano sulla Capitale: società fantasma per riciclare i soldi della droga

Le mani degli Amato-Pagano sulla Capitale: società fantasma per riciclare i soldi della droga

Ad acquisire decine di locali per conto del clan il signore della droga Gaetano Vitagliano


ROMA – C’è anche il signore della droga Gaetano Vitagliano tra i 23 arrestati questa mattina nella maxi operazione dei carabinieri nelle città di Roma, Napoli, Milano e Pescara.

Vitagliano, personaggio di spicco del settore del narcotraffico internazionale, risulta legato al clan Amato – Pagano, operante nell’area a nord di Napoli.

Secondo la Direzione distrettuale antimafia, Vitagliano ha acquisito tantissimi locali tra Roma e Milano, creando società fantasma con l’unico scopo di “ripulire” il denaro degli Amato – Pagano.

Oltre agli arrestati, ci sono 26 indagati a piede libero tra cui un notaio, tre commercialisti e alcuni dipendenti di banca infedeli. Sequestrati anche beni per 280 milioni di euro tra cui gli storici bar ‘Mizzica!’ di via di Catanzaro e di piazza Acilia, il locale ‘Macao’ di via del Gazometro e la nota catena di bar Babylon Café.

In totale sono 46 gli esercizi commerciali sequestrati, tra cui bar, pizzerie e sale slot. Sequestrati inoltre 262 immobili, 222 rapporti finanziari e bancari, 32 auto e moto, fra cui una Lamborghini del valore di oltre 2 milioni di euro,  54 società e 24 quote societarie.

Leggi anche:

Mafia, 23 arresti e beni sequestrati per 280 milioni tra Roma, Napoli, Milano e Pescara