Ricoverata e molestata all’ospedale di Aversa: la denuncia choc del fratello

Ricoverata e molestata all’ospedale di Aversa: la denuncia choc del fratello

Il fatto denunciato alla Polizia, l’uomo è recidivo ma non è mai stato rimosso


AVERSA – Notte da incubo all’ospedale Giuseppe Moscati di Aversa,  dove una donna è stata molestata da un infermiere. A denunciare l’episodio alla nostra redazione il fratello, M.G., della giovane.

Erano da poco passate le 2.30, quando M. chiede ad un infermiere di procurare una coperta per la sorella. L’infermiere dell’ospodale subito si attiva e porta la coperta nella stanza della donna chiedendo alcune informazioni al fratello: grado di parentela e il motivo del ricovero. Scambiate alcune battute tra i due, l’infermiere chiede all’uomo di allontarsi e mettersi fuori la porta della stanza del reparto perchè da li in poi si sarebbe preso cura della donna ricoverata.

Senza alcuna obiezione l’uomo si porta fuori e sbircia dalla porta i movimenti dell’infermiere, che a sua testimonianza erano delle vere e proprie toccatine nelle parti intime della sorella, che in quel momento era stordita da alcuni farmaci che aveva assunto poco prima. L’infermiere ignaro di tutto continua nelle sue molestie e poco dopo scompare dal reparto. Nel frattempo il fratello della giovane donna, incredulo per quello che aveva visto, chiama la guardia giurata che era all’interno del raparto e racconta tutto l’accaduto, confermato anche dalla sorella che in quel momento riusciva ad avere un attimo di lucidità.

Poco dopo il giovane si reca dalla polizia del commissariato di Aversa e denuncia l’accaduto. L’ispettore che raccoglie la doposizione non è per niente meravigliato del racconto, anzi, afferma che l’infermiere era stato denunciato tante altre volte, ma mai sollevato dall’incarico in quell’ospedale.

La vicenda ha dell’incredibile: “Spero che questo fatto non accada più a nessuno e voglio ringraziare l’ispettore di polizia per il suo aiuto”, queste le parole del giovane ancora sotto choc dopo la sua denuncia.