Scontro in autostrada: 4 morti tra cui un bambino. Distrutta famiglia del napoletano

Scontro in autostrada: 4 morti tra cui un bambino. Distrutta famiglia del napoletano

La famiglia tornava dalle vacanze. In gravi condizioni anche una donna e altre sue bambine


POMIGLIANO – Sono quattro le persone morte, tra cui un bambino nello scontro frontale tra due auto avvenuto ieri lungo l’autostrada Salerno-Reggio Calabria, nella galleria “Jannello” tra gli svincoli di Laino Borgo e Mormanno.

Due delle vittime, residenti a Pomigliano d’Arco (Napoli), viaggiavano a bordo di una Renault: si tratta di Raffaele La Rocca, di 40 anni, e del figlio Luigi, di 8 anni. Sulla vettura si trovava anche la moglie di La Rocca, Antonietta Dentino, di 37 anni, ricoverata in gravi condizioni nell’ospedale di Cosenza, e le altre due figlie della coppia, una di quattro anni e l’altra di 12, anche loro ricoverate a Cosenza. Le altre due persone decedute, che viaggiavano nella seconda auto coinvolta nell’incidente, una Suzuky, sono Santo Moschella, di 85 anni, ed Olga Brancone, di 83, residenti a Genova.

Una famiglia distrutta. Madre, padre e tre bambini di Pomigliano tornavano dalla vacanza appena trascorsa a Sibari quando è avvenuto lo schianto ancora in fase di accertamento. Pomigliano e i comuni vesuviano piangono la morte di Raffaele La Rocca, di 40 anni, e del figlio Luigi, di 8 anni. l’uomo era molto conosciuto nella zona per il suo impegno sociale e le battaglie contro l’inquinamento e la Terra dei Fuochi. Lavorava nel caseificio Beneduce di Sant’Anastasia e ed era appassionato di body building. Frequentava infatti una palestra di Mariglianella. la sua bacheca facebook da ieri è invasa di messaggi di cordoglio e di ricordi. La moglie di La Rocca, Antonietta Dentino, di 37 anni, ricoverata in gravi condizioni nell’ospedale di Cosenza, e le altre due figlie della coppia, una di quattro anni e l’altra di 12, anche loro ricoverate a Cosenza.