Bimba morta in auto al campo rom: vittima di un gioco tra bambini

Bimba morta in auto al campo rom: vittima di un gioco tra bambini

La piccola viveva con i genitori al campo rom sul doppio senso. Disposta l’autopsia


SCAMPIA-  La piccola Martina, bimba di 3 anni,   è stata trovata senza vita ieri  in un’auto al campo rom di Scampia, sulla circumvallazione esterna.

La madre ha dichiarato di essere uscita dal campo e, non avendo trovato la bimba in casa al suo ritorno, di averla cercata per ore fino ad accorgersi che era nell’auto del nonno priva di sensi sul sedile posteriore.

Secondo le testimonianze raccolte dagli assistenti sociali dell’ospedale San Giovanni Bosco, che si sono recati nel campo nomadi su disposizioni del direttore sanitario, Luigi De Paola, sarebbe rimasta vittima di un gioco tra bambini, mentre si festeggiava il compleanno del fratello.

Ai nostri assistenti sociali – dice De Paola all’ANSA – alcuni residenti hanno riferito che l’auto è stata usata per giocare da un gruppo di bambini che stavano festeggiando il compleanno di un fratellino di Martina”.
La piccola serba quando è giunta al pronto soccorso del San Giovani Bosco nel pomeriggio di ieri – aggiunge il direttore sanitario – ”era morta già da 3-4 ore e presentava, ad un primo esame esterno sintomi di asfissia”. Sarà eseguita domani o giovedì l’autopsia sul corpo della piccola.

Nonostante tali testimonianze al vaglio degli inquirenti c’è anche l’ipotesi che la piccola possa essere stata lasciata sola e abbia raggiunto l’auto forse in cerca di qualche parente. Sul caso indaga la Polizia.

LEGGI ANCHE:

Bimba di 3 anni morta in auto al campo rom sul doppio senso: dubbi sulla versione della madre