Blitz dei carabinieri alla Tav di Afragola, parcheggio sotto sequestro: operai in fuga

Blitz dei carabinieri alla Tav di Afragola, parcheggio sotto sequestro: operai in fuga

Indagini sull’interramento di rifiuti inquinanti proprio nei terreni su cui è stata costruita la stazione


AFRAGOLA – Blitz della Procura di Napoli Nord, nella stazione Tav di Afragola.  Sequestrato l’interno parcheggio Ovest, sotto il quale il procuratore aggiunto  Domenico Airoma e l’esperto pubblico ministero Giovanni Corona, ipotizzano la presenza di massicce quantità di rifiuti, mai smaltiti, e la cui natura dovrà essere accertata solo grazie ai carotaggi e agli scavi.

I militari dell’arma indagano sull’interramento di rifiuti inquinanti proprio nei terreni su cui è stata costruita l’opera di Zaha Hadid. Il parcheggio è sotto sequestro, sono in corso controlli anche nei cantieri ancora aperti per il completamento dei lavori.

Sul posto un task force di operatori specializzati tra cui: unità specializzate Nas, quelli del  Nucleo Ispettorato del Lavoro, Carabinieri Forestali tutela ambiente, e Nucleo investigativo forestale,  Vigili del Fuoco e Asl , per ogni settore di competenza sono impegnati in una serie di controllo della zona del cantiere ancora in piena attività.

Alla vista dell’arrivo dei carabinieri, quattro operai, hanno scaraventato gli attrezzi e sono scappati nelle campagne circostanti.