Clan Mallardo: arrestato il boss dopo un inseguimento in autostrada

Clan Mallardo: arrestato il boss dopo un inseguimento in autostrada

Secondo la DDA era nel gruppo che ha ucciso Gennaro De Roberto fuori al carcere. Era tra i vertici dell’alleanza di Secondigliano


NAPOLI – Arrestato dopo un inseguimento lungo l’autostrada, a pochi metri dal casello, mentre era a bordo della sua Range Rover Evoque in compagnia di un’altra persona. In manette Gennaro Trambarulo, esponente apicale dell’alleanza tra Licciardi di Secondigliano e Mallardo di Giugliano, recentemente al centro di una vicenda che portò al sequestro di diversi monolocali a Varcaturo e di un’imbarcazione ancora al porto di Pozzuoli (LEGGI).

Il fermo, ordinato dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, per l’omicidio di Gennaro De Roberto all’esterno del carcere di Secondigliano il 25 settembre del ’96 è stato eseguito dai carabinieri del gruppo di Castello di Cisterna. Nell’operazione i militari dell’arma hanno utilizzato anche un elicottero per seguire dall’alto gli spostamenti dell’auto di Trambarulo.

Con Trambarulo, classe ’60, l’ordine di arresto colpisce anche Francesco Avolio, già detenuto per un altro omicidio. Erano dunque loro due, secondo gli inquirenti che si sono avvalsi delle dichiarazioni di diversi collaboratori di giustizia, a comporre il gruppo di fuoco che punì con la morte la presunta volontà di tradire il proprio gruppo da parte della vittima che era in regime di semilibertà.

Le immagini dell’arresto: