Festa al ristorante finisce in rissa: Antonio ucciso a calci e pugni

Festa al ristorante finisce in rissa: Antonio ucciso a calci e pugni

Per il suo omicidio è stato fermato un ragazzo di 28 anni: indaga la polizia


BENEVENTO – Il 32enne Antonio Perrella è morto a seguito delle ferite riportate nella rissa che ha sconvolto la comunità di Benevento. Lo scontro, nato per futili motivi all’interno del ristorante «Il triclinio del fauno», è degenerato nel giro di pochi minuti con la vittima che ha avuto la peggio. Accerchiato da diverse persone che si sono accanite su di lui, Antonio è stato scaraventato giù per le scale ed è rimasto agonizzante a terra per circa un’ora mentre una copiosa emorragia celebrale gli ha causato danni così gravi che l’hanno condotto alla morte. Inutili i soccorsi e la corsa all’ospedale “Rummo”. Per l’omicidio del 32enne è stato fermato il 28enne Umberto Sferruzzi che questa mattina sarà sentito dal gip per rispondere di accuse molto gravi. Gli inquirenti vogliono anche accertare eventuali responsabilità di altri soggetti. Inizialmente i testimoni aveva detto che Perrella era seduto sulle scale e che sarebbe caduto in maniera fortuita ma le ferite sono chiaramente riconducibili ad un pestaggio brutale e in piena regola.