La camorra torna a sparare a pochi metri dalla palazzina della tragedia

La camorra torna a sparare a pochi metri dalla palazzina della tragedia

Colpi esplosi in pieno giorno. Sul caso indaga la polizia


TORRE ANNUNZIATA – Nemmeno il tempo di assorbire il lutto per una tragedia immane come la strage di Torre Annunziata che la camorra torna a far sentire la propria voce, a pochi metri dal luogo in cui è crollata la palazzina di Rampa Nunziante causando la morte di 8 persone tra uomini, donne e bambini. Una “stesa” in piena regola, dieci colpi di pistola contro l’auto di un incensurato (B.C. le sue iniziali) ma imparentato con un boss del narcotraffico appartenente al clan De Simone. La polizia sta indagando sul caso ed è possibile che si tratti proprio di un avvertimento. Un gesto plateale commesso in pieno giorno che non può non scuotere le coscienze di una città che si è unita nella tragedia ma si è subito scontrata con la brutalità della criminalità organizzata.