Raid al cimitero, muri imbrattati e cancello chiuso con una catena per impedire l’entrata

Raid al cimitero, muri imbrattati e cancello chiuso con una catena per impedire l’entrata

Al vaglio degli inquirenti le telecamere di videosorveglianza. Il luogo era stato preso di mira già in altre occasioni


ARZANO – Raid al cimitero, vandali imbrattano i muri esterni. Uno dei cancelli chiuso con una catena per impedire l’ingresso. Il direttore Francesco Leo presentata denuncia agli inquirenti, si cerca nelle riperse della telecamere a circuito chiuso. Una scena inaspettata, quando stamattina all’apertura del camposanto, gli addetti si sono ritrovati di fronte  i muri imbrattati con frasi sconnesse che inneggiano a Pantani, e una grossa catena con lucchetto che ha impedito l’ingresso nel luogo santo. Appena saputo della notizia, il sindaco Fiorella Esposito si è recata sul posto per accertare i danni e verificare quanto accaduto.

 

Il luogo era stato preso di mira anche in altre occasioni. Quando il pessimo gusto supera ogni limite, allora un intero paese si chiede se tali fatti siano riconducibile a un gioco di vandali, o di una mente disagiata. Un luogo appena riconsegnato alla città dopo la  grande opera di restyling e l’impegno profuso dal neo direttore Leo voluto dalla triade commissariale di Arzano e Casavatore.