Esplodono un petardo e gridano all’attentato: napoletani seminano il panico a Gallipoli

Esplodono un petardo e gridano all’attentato: napoletani seminano il panico a Gallipoli

Dopo aver cenato in un ristorante del centro volevano andar via senza pagare il conto


GALLIPOLI – Un un petardo nel centro di Gallipoli per evitare di pagare il conto. E’ ciò che hanno fatto un gruppo di ragazzi napoletani in vacanza a Gallipoli. Come riporta Telerama News, da una prima ricostruzione dei fatti pare che un gruppo di turisti napoletani dopo aver cenato in un ristorante del centro volesse andar via senza pagare il conto. Il cosiddetto “mangia e fuggi” si è verificato anche in altri locali salentini, diversi giorni fa.

Stavolta la situazione è degenerata. I giovani dopo aver esploso il petardo hanno urlato alla bomba scatenando così il panico tra cittadini e turisti. Sono tantissime le persone che in preda al panico hanno iniziato a correre all’impazzata travolgendo cose e individui, scene molto simili ma con le dovute proporzioni a quelle già viste a Torino nella serata della finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid. Nella bolgia generale causata dal petardo è stato persino sfasciato un vicino negozio di souvenir.

Inoltre tra la folla c’è stato anche qualche ferito. Prontamente sono intervenute sul posto le forze dell’ordine e due ambulanze. In seguito i furbetti hanno rischiato un vero e proprio linciaggio da parte dei passanti che hanno scatenato una rissa. I ragazzi sono stati fermati, identificati e rilasciati.