Estorsione con metodo mafioso ai danni di un imprenditore: 4 arresti

Estorsione con metodo mafioso ai danni di un imprenditore: 4 arresti

Nonostante i molteplici arresti di esponenti criminali, l’uomo era costretto a far fronte a nuove e più consistenti richieste di somme di denaro


POMPEI – In data odierna, ufficiali ed agenti di p.g. del Commissariato della Polizia di Stato di Pompei hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale di Napoli nei confronti di quattro persone. Si tratta di DI MARTINO Luigi, attualmente già detenuto nell’ambito di altro procedimento, BELVISO Raffaele, DI MARTINO Gerardo e FALANGA Aniello, tutti gravemente indiziati del delitto di estorsione, aggravata dal metodo mafioso in danno di un imprenditore dell’area vesuviana.

Il personale del Commissariato di P.S. di Pompei, a seguito di intense attività di monitoraggio e di controllo del territorio per il contrasto alle attività delittuose poste in essere dalla consorteria criminale denominata “clan Cesarano” (egemone nel territorio di Pompei ed influente nei territori limitrofi), acquisiva elementi su di una attività estorsiva in corso in danno di un imprenditore locale, perpetrata, per altro, da diversi anni.

Si accertava che da tempo l’imprenditore era vittima di estorsione e che, nonostante i molteplici arresti di esponenti del suindicato sodalizio criminale, era costretto a far fronte a nuove e più consistenti richieste di somme di denaro che gli venivano formulate con l’intimidazione del metodo mafioso. L’attività investigativa, coordinata da questo Ufficio, consentiva in tempi rapidissimi di raccogliere gli elementi di prova a carico degli indagati, destinatari dell’ordinanza cautelare in carcere.