Sciopero della sete sulla gru a Napoli: malore per uno degli operai

Sciopero della sete sulla gru a Napoli: malore per uno degli operai

I colleghi che presidiano l’esterno del cantiere hanno chiesto l’intervento del medico


NAPOLI – Continua lo sciopero della sete, iniziato tre giorni fa, da parte di alcuni operai Hitachi. Si sono posizionati sulla sommità di una grù in piazza Municipio a Napoli ed hanno montato un ombrellone per proteggersi dal sole per far fronte al caldo torrido di questi giorni. Nonostante la spartana protezione uno dei tre operai si è sentito male. I colleghi che presidiano l’esterno del cantiere hanno chiesto l’intervento del medico «Non vogliono scendere – dice uno degli operai – almeno fino a quando non ci saranno chiari impegni sulla loro ricollocazione in fabbrica».

Dopo il presidio all’esterno della fabbrica, cinque giorni fa lo sciopero si era spostato davanti alla prefettura in piazza del Plebiscito. «Non sappiamo più come andare avanti – avevano dichiarato i lavoratori – siamo arrivati al limite e ora abbiamo bisogno di tornare a lavoro». Un appello che, però, non ha mutato la situazione. Tanto che lunedì scorso la protesta si è fatta ancora più dura: alcuni operai hanno deciso di salire su una gru e restarci.