Corruzione sui cantieri e truffa: dipendente comunale arrestato

Corruzione sui cantieri e truffa: dipendente comunale arrestato

In cambio di cifre – tra i 500 ed i 1500 euro – il dipendente dell’ufficio tecnico prometteva di sanare gli abusi


CORRUZIONE
CASTELLAMMARE DI STABIA –  In manette per corruzione, truffa e falso: i capi di accusa per un tecnico comunale che pretendeva “mazzette” per sanare gli abusi edilizi. 

L’ARRESTO PER CORRUZIONE, TRUFFA E FALSO 

Stamattina, i finanzieri della compagnia di Castellammare di Stabia, guidati dal capitano Mario Aliberti, hanno arrestato Eduardo Calò, dipendente comunale stabiese, destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal gip Antonello Anzalone su richiesta della Procura di Torre Annunziata.

LE INDAGINI PER CORRUZIONE

Durante le indagini, i finanzieri hanno ricostruito diversi episodi. In cambio di cifre tra i 500 e i 1500 euro, secondo l’accusa Calò e alcuni complici promettevano di sanare abusi edilizi e irregolarità. Acquisita documentazione, intercettati telefonicamente gli indagati ed effettuati riscontri e sequestri sui cantieri edili, gli investigatori hanno scoperto diverse falsificazioni di atti.

corruzione
Comune di Castellamare di Stabia