Domenico, morto sul lavoro a Giugliano: lascia 3 figli

Domenico, morto sul lavoro a Giugliano: lascia 3 figli

L’operaio ha perso la vita dopo un volo di 12 metri. La sua famiglia era stata già segnata dal dolore, aveva perso un figlio


GIUGLIANO – Domenico Pragliola, 45 anni, è morto ieri mentre lavorava in pieno centro a Giugliano. L’uomo ha perso la vita nel primo pomeriggio precipitando da un ponteggio dall’altezza di circa 12 mentri in vico Amantea una stradina di via Mattia Coppola, più celebre come ‘vico miciano’.

Nonostante gli immediati soccorsi, l’operaio è morto al Pronto Soccorso di Giugliano dove era arrivato già in condizioni disperate.

Sul posto con lui c’erano altri operai che in quel momento stavano lavorando allo stesso stabile. I colleghi della vittima sono stati ascoltati dagli agenti del commissariato di Polizia di Giugliano che indagano sulla vicenda.

Domenico Pragliola lascia una moglie e tre figli, due maschi ed una femmina. La sua famiglia era già stata segnata dal dolore per la scomparsa prematura di un altro figlio, deceduto in tenera età per una grave malattia.

L’operaio, residente e nativo di Giugliano, era appassionato di tammorriata giuglianese. Passione tramandata anche a uno dei suoi figli che suona il classico flauto durante le esibizioni della paranza Quartarola.

Alla notizia della sua morte in tantissimi sono arrivati al Pronto Soccorso del nosocomio giuglianese per stringersi al dolore della famiglia. Domenico era apprezzato dai tanti che lo conoscevano e viene descritto da tutti come un onesto lavoratore dedito alla famiglia.

Domenico Pragliola 

Giugliano, perde l’equilibrio e cade da un ponteggio: morto 45enne