Camorra, revocata la protezione al boss. “Ha mentito per proteggere il clan”

Camorra, revocata la protezione al boss. “Ha mentito per proteggere il clan”

La decisione è arrivata dalla commissione centrale del Viminale


protezione

MARCIANISE – Revocato il piano di protezione per l’ex boss Salvatore Belforte e per i suoi familiari. La decisione è arrivata dalla commissione centrale del Viminale. Il boss ha mentito o ha cercato di occultare la verità sulla morte di Angela Gentile, l’amante di suo fratello scomparsa per lupara bianca nel 1991. Da oggi, quindi, il capoclan di Marcianise è un ex pentito.

NESSUNA PROTEZIONE PER IL BOSS

protezione
Angela Gentile 

A seguito di richiesta della Procura della Repubblica di Napoli -Direzione Distrettuale Antimafia, la Commissione Centrale presso il Ministero dell’Interno è stata decisa la revoca del piano di protezione nei confronti di Salvatore Belforte, capoclan di Marcianise. Le sue dichiarazioni sul caso Angela Gentile, amante di Domenico Belforte, fratello del ras, si sono rivelate tutte false e prive di fondamento.