118 nel mirino: 2 ambulanze derubate contemporaneamente

118 nel mirino: 2 ambulanze derubate contemporaneamente

I balordi si sono appropriati degli strumenti utili agli operatori per le emergenze


NAPOLI – Una notte da incubo per gli operatori del 118 di Napoli. Infatti in una sola notte sono stati fatti due furti ai danni delle ambulanze che si prestavano a soccorrere persone in difficoltà. Gli episodi sono accaduti quasi contemporaneamente ed in entrambi i casi è stato rubato materiale fondamentale al funzionamento del servizio di emergenza sanitario territoriale.

Come riporta Il Mattino, alle 21 di ieri, in zona Riviera di Chiaia, durante la prestazione di un intervento è stata sfilata la radio dal taschino di un operatore impegnato nel sedare un paziente in preda ad agitazione psicomotoria. All’operatore è stata sottratta la radiolina collegata con la centrale operativa del 118, il mezzo con cui abitualmente i sanitari comunicano e che è fondamentale per lo svolgimento delle attività d’emergenza.

 A distanza di un’ora, verso le 22 circa, sempre durante un intervento di emergenza è stata rubata la borsa rianimativa con tutti i presidi medici al suo interno. L’episodio è accaduto in via Labriola, a Miano ed ha reso necessario il ritorno del mezzo in autoparco una volta conclusa la prestazione.
I due furti sono stati denunciati formalmente alle autorità ma il problema sembra sussistere da un po’ di tempo visto che già molte volte è stato segnalato dagli operatori delle ambulanze e circa un anno fa chiesero aiuto al Prefetto indirizzandogli una lettera ufficiale e denunciando anche le frequenti aggressioni subite durante il servizio.