Cercava di sedare una rissa in zona movida: vigilessa ferita

Cercava di sedare una rissa in zona movida: vigilessa ferita

“Chiederò al Prefetto che le interforze siano realmente attive” – ha detto il Sindaco


vigilessa picchiata aggredita salerno egiziani rissavigilessa picchiata aggredita salerno egiziani rissa

SALERNO – «Questa sera chiederò al Prefetto che le interforze siano realmente attive, molte volte sono gli uomini della Polizia Municipale a svolgere la funzione, supportati da carabinieri, polizia di stato, guardia di finanza, ma solitamente siamo più presenti noi». Lo scrive, sulla sua pagina Facebook, il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli dopo il ferimento, avvenuto ieri sera, di una vigilessa sul Lungomare Trieste. La donna è infatti rimasta ferita mentre cercava di sedare una rissa tra tre egiziani, di cui un minorenne, ed è stata trasportata in ospedale per tutti gli accertamenti del caso.

Due degli aggressori sono stati arrestati mentre il terzo, un minorenne, come riporta ilmattino.it, è stato affidato ai servizi sociali e condotto in una struttura. Appena avvenuto il fatto il primo cittadino si è recato sul posto e poi ha raggiunto la vigilessa al nosocomio cittadino per informarsi sulle sue condizioni di salute. Questa mattina, il sindaco Napoli, a margine di una conferenza a Palazzo di Città, ha ribadito quanto si stia facendo a Salerno per mantenere alta la sicurezza. A margine di un incontro in Questura, questa mattina, il Questore Errico ha ribadito che «a Salerno non c’è un problema sicurezza. Ieri sera il piano ha funzionato. Non credo sia necessario un presidio fisso quanto una costanza nei servizi. Noi siamo presenti, soprattutto nei fine settimana, insieme alla Polizia locale e alle altre forze dell’ordine. Serve un monitoraggio costante sul territorio».