Panico in stazione, scoppia rissa con calci e pugni: fermati dalla polizia

Panico in stazione, scoppia rissa con calci e pugni: fermati dalla polizia

La lite è scoppiata a seguito di apprezzamenti volgari nei confronti di una donna


rissa

NAPOLI – Nel pomeriggio di ieri, un cittadino italiano, Giuseppe Annunziata, 23enne S. Giuseppe Vesuviano è stato arrestato dalla Polizia Ferroviaria di Napoli resosi responsabile dei reati di rissa, lesioni e resistenza a P.U. e due cittadini stranieri sono stati deferiti in stato di libertà per rissa e false dichiarazioni sulle proprie generalità.

stazioneRISSA IN STAZIONE

Alcuni viaggiatori, allarmati per un violento litigio in atto al centro della galleria commerciale della stazione FS di Napoli Centrale, allertavano due agenti della Polizia Ferroviaria che intervenivano mentre tre persone che si colpivano violentemente con calci e pugni al punto tale che è stato necessario richiedere l’ausilio di altre pattuglie per sedare la rissa. Alcuni viaggiatori, allarmati per un violento litigio in atto al centro della galleria commerciale della stazione FS di Napoli Centrale, allertavano due agenti della Polizia Ferroviaria che intervenivano mentre tre persone che si colpivano violentemente con calci e pugni al punto tale che è stato necessario richiedere l’ausilio di altre pattuglie per sedare la rissa.

Sentiti in merito all’accaduto, si apprendeva che l’Annunziata aveva fatto degli apprezzamenti volgari e richieste sessuali nei confronti della cittadina bulgara Vera Iancova e che suo amico rumeno, Ovidiu Rado, nel tentativo di difenderla dava inizio alla rissa. Al termine degli adempimenti di rito Annunziata è stato dichiarato in arresto per i reati di rissa, lesioni e resistenza a P.U mentre i due stranieri sono stati deferiti in stato di libertà all’A.G. per i reati di rissa e false dichiarazioni sulle proprie generalità. Del tutto veniva informato il PM di turno della Procura della Repubblica che disponeva la celebrazione del rito direttissimo per la mattinata di oggi.