Richiedente asilo aggredisce una donna per il cellulare, preso

Richiedente asilo aggredisce una donna per il cellulare, preso

La donna, strattonata e buttata a terra, ha riportato alcune lesioni guaribili in 10 giorni


richiedente

NAPOLI – Richiedente asilo aggredisce una donna per portarle via il cellulare. Gli agenti del commissariato di Polizia San Ferdinando hanno arrestato, AMADOU JAITEH, originario del Gambia 18 anni, in possesso di permesso di soggiorno per motivi di asilo politico, dal giugno di quest’anno, per il reato di rapina.

LA RAPINA

RICHIEDENTE Alle ore 12.00 i poliziotti, hanno notato una donna che urlava e si sbracciava all’interno della Villa comunale indicando il giovane extracomunitario che correndo a piedi tentava imboccare Via Rione Sirignano. I poliziotti prontamente hanno raggiunto e bloccato il giovane dopo una intensa colluttazione.

Gli agenti hanno accertato che il giovane poco prima aveva avvicinato la donna e dopo avergli sferrato uno schiaffo sul collo al fine di fargli cadere il telefono che aveva tra le mani l’aggrediva strattonandola e sbattendola a terra riuscendo, solo a questo punto, ad impossessarsi del cellullare della vittima. La donna è stata refertata con 10 giorni di prognosi, e le è stato restituito il cellulare rinvenuto tra le mani del 18enne.

Domani l’extracomunitario sarà giudicato con rito di direttissima presso il Tribunale di Napoli.