Crolla solaio all’Università di Aversa, morto un operaio: 10 persone a giudizio

Crolla solaio all’Università di Aversa, morto un operaio: 10 persone a giudizio

La tragica vicenda risale al 2015. Le accuse sono relative ad una serie di omissioni di atti tesi alla valutazione di quanto si stava realizzando


solaio

AVERSA – Era il 29 ottobre 2015 quando Luciano Palestra,operaio 41enne, perse la vita mentre era impegnato in alcuni lavori di ristrutturazione all’Università di Ingegneria ad Aversa. Il gip del tribunale di Napoli Nord ha rinviato a giudizio dieci persone che sarebbero coinvolte nell’accaduto.

LA DECISIONE DEL GIP 

solaio
Fonte TGcom24

Un operaio di 41 anni perse la vita per il crollo del solaio di uno degli edifici della Facoltà di Ingegneria. Sono 10 le persone,come riporta ilmattino.it, mandate a processo: Agostino e Raffaele Tizzano, 35 e 39 anni, originari di Acerra, ma residenti a Mariglianella, titolari della ditta Co.Res., con sede in Venafro; Salvatore Di Caprio 58 anni, di Aversa, quale direttore dei lavori; Amedeo Lepore, 57 anni, di Santa Maria Capua Vetere, quale responsabile di progetto; Ciro Frattolillo, 52 anni, di Casandrino, quale responsabile del procedimento; Giovanni Battista De Santis, 58 anni, di Ruviano, quale coordinatore della sicurezza; Massimo Magrone, 52 anni, di Lecce, quale responsabile del procedimento in fase di esecuzione; Nunziante Guadagno, 45 anni, di Castellammare, collaudatore in orso d’opera; Aniello Mocerino, 46 anni, di Somma Vesuviana, quale direttore tecnico dell’impresa; ancora Agostino Tizzano, quale legale rappresentante della Co.Res..

Per loro accuse relative ad una serie di omissioni di atti tesi alla valutazione di quanto si stava realizzando. Una decisione giunta dopo poco più di due anni dal crollo.