Imprenditore napoletano ucciso: oggi l’ultimo saluto a Marcantonio

Imprenditore napoletano ucciso: oggi l’ultimo saluto a Marcantonio

Il giovane imprenditore avrebbe fatto rientro a casa per le festività natalizie.


CASALNUOVO – Marcantonio Salzano, 41 anni, imprenditore, è stato ammazzato  brutalmente i primi di dicembre a Los Andes, una zona malfamata della periferia panamense. Era da tre anni in Sudamerica dove aveva una azienda di import export di apparecchiature elettroniche.Un colpo alla testa esploso a distanza ravvicinata da due ragazzini .

Oggi pomeriggio alle 14.30, nella chiesa di San Giacomo Apostolo a Casalnuovo, si svolgeranno i funerali del giovane imprenditore. La salma proveniente da Roma Fiumicino è arrivata ieri sera nella dimora del defunto, da cui oggi partirà il corteo funebre.

MISTERO SULLA MORTE

Avrebbe fatto ritorno a casa per le festività natalizie e avrebbe finalmente potuto riabbracciare moglie e figlie, ma MarcoAntonio è stato ucciso con un colpo alla testa esploso a distanza ravvicinata da due ragazzini che gli avevano dato appuntamento per acquistare un tablet. Un 17enne è stato già arrestato, la polizia è sulle tracce del complice. Gli inquirenti hanno ricostruito l’episodio come un tentativo di rapina sfociato in tragedia, ma la famiglia di MarcoAntonio crede che sia accaduto qualcosa di diverso. La posizione del corpo, la dinamica dell’episodio, il modo in cui è stato ammazzato, il luogo dove si è consumato il brutale omicidio, fanno ipotizzare i familiari che MarcoAntonio sia finito in una trappola mortale. “Non era uno sprovveduto, non si sarebbe addentrato in un luogo tanto malfamato se non avesse avuto la certezza di essere tranquillo», dicono disperati i familiari.