Muore a 28 anni per un banale intervento: 9 medici indagati

Muore a 28 anni per un banale intervento: 9 medici indagati

I medici devono rispondere di omicidio colposo


calcoli

RUGGI – Indagati 9 medici dell’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona nel salernitano, accusati di omicidio colposo per la morte della 28enne Denise De Simone. La ragazza salernitana si era recata in ospedale per calcoli alla cistifellea, ma il ritardo per l’intervento ed alcuni errori effettuati nel corso dell’operazione ne avrebbero aggravato le condizioni sino al decesso.

MORTA PER RITARDI NELL’OPERAZIONE 

Era il 28 settembre del 2014 quando Denise si recò presso l’ospedale Ruggi d’Aragona di Salerno per alcuni dolori all’addome, riconosciuti in seguito come calcoli alla cistifellea. Secondo l’accusa i medici che visitarono la 28enne non avrebbero agito nell’immediato, sottovalutando la situazione. La corsa in sala operatoria avvenne con ritardo e inoltre secondo la Procura ci sarebbero stati errori durante l’intervento chirurgico che si sarebbero rivelati fatali: le consulenze mediche legali hanno rivelato lesioni interne che risulterebbero anomale e, infine, l’insorgenza di una mof, una sofferenza multiorgano fatale per la giovane salernitana.