Scandalo Suor Orsola: assolto il rettore D’Alessandro

Scandalo Suor Orsola: assolto il rettore D’Alessandro

Fu indagato dalla Procura di Napoli. L’ipotesi era quella di aver favorito un figlio dell’ex ministro Zecchino


Suor Orsola

NAPOLI – Il fatto non sussiste. Con questa formula il giudice  ha assolto il rettore dell’università Suor Orsola Benincasa Lucio D’Alessandro e i docenti Giovanni Coppola, Anna Giannetti e Alessandro Viscogliosi dall’accusa di aver favorito Francesco Zecchino, figlio dell’ex ministro, nell’assegnazione di un posto di ricercatore alla Facoltà di Lettere.

La decisione del giudice ha concluso il processo celebrato, per scelta degli imputati, con il rito abbreviato. Il pm Arlomede aveva proposto la condanna a due anni per il rettore D’Alessandro e a tre anni per i docenti ipotizzando che la decisione della commissione sia stata orientata ad agevolare Zecchino.  La difesa ha sostenuto invece la regolarità della decisione, il merito della valutazione.

LA VICENDA

Il rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa, Lucio D’Alessandro, fu indagato dalla Procura di Napoli. L’ipotesi era quella di aver favorito un figlio dell’ex ministro Zecchino, nell’assegnazione di un posto di ricercatore al Suor Orsola.

Nè Ortensio Zecchino, nè il figlio Francesco risultarono indagati. A D’Alessandro ed agli altri componenti della commissione, Giovanni Coppola, Anna Giannetti, Alessandro Viscogliosi, fu notificato un avviso di conclusione indagini. Per il rettore del Suor Orsola avanzò l’ipotesi di concorso in abuso di ufficio.

Resta aggiornato con le notizie de Il Meridiano News: clicca qui

Diventa fan su Facebook, clicca Mi Piace sulla nostra fanpage