Cisterna a fuoco in autostrada: 6 morti tra cui due bambini

Cisterna a fuoco in autostrada: 6 morti tra cui due bambini

Un camion avrebbe causato la tragedia tamponando un’auto ferma in coda per un precedente sinistro, che a sua volta ha urtato un altro mezzo che trasportava liquidi infiammabili


BRESCIA – Tragedia in autostrada nel pomeriggio di oggi. Sei persone, infatti, sono morte in seguito a un grave incidente avvenuto, nel pomeriggio del 2 gennaio, lungo l’autostrada A21 tra Brescia e Manerbio. Tra le vittime ci sono anche due bambini. Secondo una prima ricostruzione, riportata da Sky, un camion  avrebbe tamponato un’auto ferma in coda per un precedente incidente, che a sua volta ha urtato un altro mezzo che trasportava liquidi infiammabili. Lo scontro – verificatosi lungo l’autostrada A21 Torino-Brescia, all’altezza del ponte 217, nel tratto compreso tra lo svincolo Brescia Sud e Brescia Centro – ha provocato un incendio di vaste dimensioni a bordo del veicolo che trasportava una cisterna. Il tratto autostradale coinvolto dall’incidente rimarrà chiuso per tutta la notte. Una fitta nube di fumo si è alzata ed è visibile a distanza. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, la Polizia stradale e il personale del 118 anche con l’elisoccorso.

Il gravissimo incidente ha provocato sei vittime: quattro adulti e due bambini. L’autista del camion coinvolto dall’impatto con l’autocisterna è tra le vittime. Le sue condizioni erano state definite fin da subito disperate. Nell’impatto è stata coinvolta anche una vettura sulla quale viaggiavano cinque persone, tre adulti e due bambini, tutti morti. Per far intervenire l’elisoccorso, l’autostrada in direzione opposta è stata chiusa al traffico. Il fumo nero e denso provocato dall’incendio ha infatti complicato l’intervento dei soccorsi.

Foto di Tiziana Prezzo