Parete, Luigi colpito alla testa da proiettile: interrogato noto imprenditore

Parete, Luigi colpito alla testa da proiettile: interrogato noto imprenditore

L’impresario è il proprietario del terreno da dove sarebbe partito il colpo che ha attraversato il cervello di Luigi


luigi

PARETE – E’ stato nuovamente interrogato V.R., proprietario del terreno di via Vicinale Vecchia da dove sarebbe partito il colpo che ha attraversato il cervello di Luigi, il 14enne di Parete, tutt’ora in coma. V.R., titolare di un’agenzia di onoranze funebri a Parete al momento non è iscritto nel registro degli indagati e non ha il porto d’armi eppure per ben due volte è stato interrogato dagli inquirenti.

POTREBBE ESSERCI UNA SVOLTA SUL CASO DI LUIGI

Secondo gli esami balistisci effettuti, il colpo sarebbe partito proprio dal terreno di sua proprietà, dove è presente anche un ripetitore di telefonia mobile. Ora i carabinieri hanno stilato l’elenco di tutti i titolari dei numeri telefonici che, nella sera del 24 dicembre si trovavano in un raggio di 100 metri dalla cella telefonica. Tra questi nomi c’è il tiratore che provando l’arma ha colpito Luigi.

Nel frattempo le condizioni del 14enne sono ancora critiche.

 

TUTTE LE NOTIZIE DEL GIORNO

 

FONTE: IL MATTINO