Blitz carabinieri contro il lavoro nero: due persone nei guai

Blitz carabinieri contro il lavoro nero: due persone nei guai

Una persona è risultata priva di qualsiasi autorizzazione all’esercizio


lavoro nero

CASANDRINO – Controlli a tappeto per contrastare il fenomeno dello sfruttamento del lavoro nero e per contrastare le violazioni delle norme di sicurezza sui luoghi di lavoro. I carabinieri della stazione di Grumo Nevano, hanno denunciato un titolare di un negozio da parrucchiere, sito a Casandrino poichè è risultato privo di qualsiasi autorizzazione all’esercizio e tra l’altro, nel negozio lavorava un ragazzino di 15 anni, tenuto a nero.

Inoltre gli è stata contestata la sanzione amministrativa, di euro 1.500,00, per aver impiegato un dipendente “in nero”. Locale ed attrezzature, del valore commerciale complessivo di euro 110.000,00, circa, sottoposti a sequestro.

Altro denunciato, un cittadino del Bangladesh, classe 91, residente a Casandrino. L’uomo è titolare di un opificio produttore di giacche da uomo. All’interno della fabbrica, erano presenti 7 lavoratori di nazionalità bengalese di cui 4 risultati irregolari. Effettuate sanzioni per 6000 euro e nel frattempo l’attività è stata sospesa.

Resta aggiornato con le notizie de Il Meridiano News: clicca qui

Diventa fan su Facebook, clicca Mi Piace sulla nostra fanpage