Carabiniere spara alla moglie, uccide le due figlie e poi si toglie la vita

Carabiniere spara alla moglie, uccide le due figlie e poi si toglie la vita

L’uomo prima di uccidersi ha tolto la vita alle figlie di 8 e 13 anni


carabiniere

LATINA – Ha sparato alla moglie, ha ucciso le due figlie di 13 e 8 anni e poi si è suicidato l’appuntato dei carabinieri Luigi Capasso. Una vera e propria tragedia che si è consumata questa mattina a Cisterna di Velletri.

La conferma è arrivata dal comandante provinciale dei Carabinieri, Gabriele Vitagliano: «La persona si è uccisa e le bambine come temevamo sono morte, verosimilmente da questa mattina, da diverse ore». Nell’appartamento si trovano ora gli investigatori.

La tragedia si è consumata questa mattina all’alba, quando intorno alle 5 l’uomo, di 44 anni, ha esploso alcuni colpi d’arma da fuoco, sparati dalla pistola di ordinanza, verso la moglie, Antonietta Gargiulo di 39 anni, che era nel garage di casa e si è poi barricato in casa con le due figlie.

La donna è ancora viva ed è ricoverata in condizioni gravissime al San Camillo di Roma. tra i due era in corso la separazione, una scelta mai accettata dal carabiniere che molto spesso litigava con la donna, specialmente nell’ultimo periodo.

Sul posto sono intervenuti i militari dell’Arma che hanno tentato per ore di convincere l’uomo a consegnare la pistola e a lasciare andare le due piccole. Di poco fa la scoperta: i carabinieri entrando nell’appartamento hanno trovato le due piccole morte, mentre l’uomo si è suicidato.