Carabiniere uccide le figlie e spara alla moglie: “L’aveva già picchiata prima”

Carabiniere uccide le figlie e spara alla moglie: “L’aveva già picchiata prima”

Luigi l’aveva schiaffeggiata per gelosia, ma lei fece solo un esposto in Procura


carabiniere

CISTERNA DI LATINA – Aveva già picchiato la moglie Luigi Capasso, l’appuntato carabiniere che questa mattina ha sparato alla moglie, ucciso le due figlie di 8 e 13 anni e poi si è tolto la vita. 

IL CARABINIERE AVEVA GIA’ AGGREDITO LA MOGLIE

A raccontarlo è un negoziante della zona dove Luigi e Antonietta vivevano. “Luigi picchiò la moglie – racconta al Mattino.it –  perché lei la scorsa estate lo aveva cacciato di casa: si presentò davanti allo stabilimento della Findus dove Antonietta lavorava e le diede uno schiaffo facendole cadere il telefono cellulare». E ancora: “Era geloso della moglie. La rabbia dell’uomo era esplosa perché lei aveva mandato un sms ad un suo collega per sfogarsi della difficile situazione matrimoniale che viveva».

L’avvocato della moglie ha spiegato che la donna non aveva denunciato il marito per paura che perdesse il lavoro, ma si era limitata ad un semplice esposto in Procura.

Secondo l’ultima ricostruzione dei militari dell’Arma, l’uomo avrebbe ucciso le due piccole mentre dormivano.

LEGGI ANCHE

Spara alla moglie e uccide le figlie, annuncia la strage sui social